Voci e suoni reggini per Papa Francesco

In piazza San Pietro l'esibizione di coro e orchestra diretti dal maestro Caridi

Condividi su WhatsApp

Un coro e una orchestra di oltre centocinquanta elementi: è la formazione diretta dal maestro Roberto Caridi che canterà e suonerà per Papa Francesco in piazza San Pietro a Roma.

Da Reggio Calabria è partita la nutrita compagine di musicisti, per partecipare - da protagonista - all'udienza pubblica del Pontefice che vedrà nel cuore del Vaticano una robusta rappresentanza di fedeli calabresi. "Sarà una esperienza davvero unica - commenta Roberto Caridi - ci siamo preparati a questo appuntamento con molta passione.
Abbiamo l'orchestra, la nota Banda di Reggio Calabria guidata dal presidente Natale Marino; il coro di voci bianche "Millenote" da me diretto e il coro degli adulti che in pochissimo tempo si è preparato con impegno per questo speciale incontro con il Papa".


Con coro e orchestra ci saranno tre solisti, Tina Errigo, Rossana Camera ed il tenore Gianluca Marino.

In Piazza San Pietro saranno eseguiti una serie di brani sacri alcuni dei quali composti dal maestro reggino Roberto Caridi. È inoltre in uscita il relativo lavoro discografico ed una copia sarà donata al Papa insieme al testo della canzone "Non lasciatevi rubare la speranza", che è un omaggio all'invito che più di ogni altro rappresenta il messaggio centrale dell'attuale Pontefice.

Il brano dedicato al Santo Padre è stato scritto ad otto mani, con la musica di Roberto Caridi e Rosario Canale, il testo di Enzo Zolea e Rosario Canale e l'arrangiamento curato da Girolamo Deraco, lavoro pubblicato in tutta Italia da Edizioni Eufonia. L'evento in Piazza San Pietro avrà inizio alle ore 9 di oggi (mercoledì 15 novembre) e sarà trasmesso in diretta su Tv2000 (televisione della Conferenza Episcopale Italiana, canale 28 del Digitale Terrestre e 140 di Sky).
Tags Papa Francesco,Vaticano,Orchestra 150 elementi da Reggio Calabria al Vaticano

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento