La Viola Reggio Calabria vince anche ad Agrigento

Silenzio stampa della società in attesa dell'esito del secondo grado di giudizio riguardante la condanna subita per la vicenda fideiussione

Condividi su WhatsApp

"La Viola Reggio Calabria espugna il PalaMoncada di Agrigento per 86-88. I neroarancio, dopo la settimana più difficile della stagione, riescono ad andare oltre le vicende extrasportive ottenendo l'ennesimo successo".
Si coglie tutta la determizione dell'ambiente, a cominciare da queste poche righe diramate dalla società neroarancio che conferma il silenzio stampa in attesa dell'esito del secondo grado di giudizio (previsto per lunedì) relativo al ricorso del club avverso la condanna del tribunale federale che, di fatto, retrocede la squadra in serie B a causa della presunta falsa fideiussione.

Quanto alla gara, "partenza con il freno a mano tirato quella della squadra di Marco Calvani che riesce, comunque, a trovare le energie mentali per ribaltare l'iniziale svantaggio. Nel finale le triple di Roberts e Fabi e la precisione della lunetta, regalano a Reggio il successo.
Priva di Pacher, la Viola gioca di gruppo mandando in doppia cifra ben sei giocatori".

La società ringrazia i "giocatori, uomini straordinari e il pubblico agrigentino che ha applaudito la Viola prima e dopo il match. Un esempio di sportività".

La società comunica infine di essere in silenzio stampa in attesa dell'esito del secondo grado di giudizio.

Nei giorni scorsi erano intervenuti, attraverso i propri profili social, squadra e Staff della Viola esprimendo “Delusione, dispiacere, rabbia" perchè i risultati sul campo parlano di un campionato da play off, 
"abbiamo dimostrato sul campo di essere delle persone serie, dei veri professionisti che nonostante tutte le difficoltà hanno dato il meglio per il movimento e per la città che rappresentano.
Il rammarico oggi si tramuta in rabbia perché ci troviamo impotenti di fronte a una stagione portata quasi a termine con massima onestà e impegno, valori riconosciuti dai propri sostenitori, dagli avversari e dagli addetti ai lavori".
Squadra e staff si pongono poi delle domande: "Appare difficile comprendere come nessun organo competente si sia accorto di tutto ciò a Luglio 2017, mese in cui è stato concesso alla Viola Reggio Calabria di iscriversi al campionato di A2, approvandone quindi la regolarità di tutti i documenti richiesti e dando a noi ( giocatori- staff) la conferma che le basi di partenza fossero idonee.

Ad oggi veniamo a conoscenza di fatti che nessuno di noi si sarebbe mai aspettato dopo 7 mesi di stagione regolamentare, noi credevamo negli organi che avrebbero dovuto garantire la chiarezza di tutto il movimento.
Con questa leggerezza da parte di chi doveva controllare e non lo ha fatto ci è stata privata la possibilità di intraprendere altre strade sin dall'inizio dell'anno sportivo.
Ad aprile, con il campionato ormai agli sgoccioli, ci troviamo a dover accettare una decisione che dovrebbe essere stata presa a Luglio, che ci mette davanti ad una retrocessione, a un finale che non meritiamo, a dover giocare tre partite con la consapevolezza che, comunque vada, il lavoro fatto fino ad ora non coglierà alcun frutto, ma non per colpe nostre".
Infine, le promesse: "Il nostro impegno verrà portato a termine, niente potrà cancellare il fatto che quest'anno il campo ci ha visto fra le prime 8 squadre del girone Ovest con tre partite ancora da disputare.
Non vogliamo assolutamente entrare in merito alle vicende giudiziarie che coinvolgono la società, siamo convinti che le regole vadano rispettate e siamo i primi ad accettarle.
Ma noi ci chiediamo: chi dovrebbe controllare perché non l’ha fatto? Perché adesso? Perché proprio sul più bello?”.

Concetti ribaditi nel pregara ad Agrigento quando gli atleti hanno esibito uno striscione che recitava: "Il nostro lavoro va tutelato, non penalizzato"


Tabellini Fortitudo Agrigento - Viola Reggio Calabria 86-88 (26-18, 17-23, 17-18, 26-29)

Fortitudo Agrigento: Pendarvis Williams 22 (5/7, 3/5), Simone Pepe 20 (5/6, 2/4), Lorenzo Ambrosin 13 (1/4, 3/11), Giacomo Zilli 9 (4/6, 0/0), Jalen Cannon 8 (4/4, 0/2), Marco Evangelisti 8 (2/4, 1/4), Ruben Zugno 4 (2/2, 0/0), Tommaso Guariglia 2 (1/2, 0/0), Isacco Lovisotto 0 (0/3, 0/0), Luca Savoca 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 11 / 14 - Rimbalzi: 32 9 + 23 (Pendarvis Williams 11) - Assist: 17 (Pendarvis Williams 6)

Viola Reggio Calabria: Patrick Baldassarre 21 (5/9, 1/2), Chris Roberts 14 (0/3, 3/4), Riccardo Rossato 14 (4/5, 1/2), Lorenzo Benvenuti 12 (4/7, 0/0), Agustin Fabi 11 (0/4, 2/6), Lorenzo Caroti 10 (1/1, 2/2), Tommaso Carnovali 4 (2/2, 0/2), Allen Agbogan 2 (1/1, 0/0), Celis Taflaj 0 (0/1, 0/1), Andrew joseph Pacher 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 27 / 29 - Rimbalzi: 19 3 + 16 (Patrick Baldassarre 9) - Assist: 13 (Patrick Baldassarre 6)

Ph gara, pagina Facebook Fortitudo Agrigento

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento