Andrea Labate e Vittoria Altomonte alle Olimpiadi internazionali di Astronomia. Nella gara italiana di Bari ben nove calabresi su quindici superano la prova finale

Il sindaco Falcomatà: 'Complimenti ai vincitori, Reggio ed il suo Planetario si confermano eccellenze scientifiche sul piano nazionale ed internazionale'

Condividi su WhatsApp

Andrea Labate, categoria senior, (Liceo Scientifico "Da Vinci" di Reggio Calabria) e Vittoria Altomonte, categoria junior 2, ( Liceo Scientifico "Euclide" di Bova Marina) rappresenteranno la Calabria all'interno della squadra nazionale che volerà in Sri Lanka, il prossimo autunno, per le Olimpiadi Internazionali di Astronomia.
I due giovani, infatti, sono stati selezionati durante le finali italiane che si sono svolte la scorsa settimana a Bari.
Dei sedici studenti calabresi, tra gli ottanta ammessi, erano tutti provenienti dalla provincia di Reggio Calabria e di questi ben nove hanno superato la prova, su un totale di quindici finalisti di tutto il territorio italiano.
«È un risultato straordinario che premia i talenti scientifici della nostra regione - commenta la professoressa Angela Misiano, responsabile del Planetario Pythagoras di Reggio Calabria. Le congratulazioni vanno a tutti i partecipanti per lo sforzo profuso in questi lunghi mesi di preparazione. Sia ai vincitori della gara interregionale, sia ai nove che hanno conquistato la medaglia nazionale della XVI edizione e naturalmente ad Andrea e Vittoria che ci rappresenteranno a livello internazionale».
La struttura di Via Salita Zerbi, afferente alla Città Metropolitana, con i suoi esperti, segue, a titolo gratuito, da molti anni la preparazione degli allievi delle scuole calabresi e affianca i docenti degli istituti partecipanti.
Quest'anno, nel capoluogo pugliese, per la categoria Junior 1 hanno partecipato Marco Carbone (I.C. Statale “G. Carducci – V. da Feltre”), Luigi Sorrentino (I.C. Statale “F.S. Alessio – N. Contestabile”, Taurianova), Mihail Dimitrov (I.C. Statale “Giovanni XXIII”, Villa S. Giovanni), Davide Geria (Scuola Secondaria di I° Statale “Galluppi-Collodi-Bevacqua”), Antonino Morgante (I.C. Statale “Campo Calabro – San Roberto”, Campo Calabro) e Maria Antonietta Ferraro (I.C. Statale "Nosside - Pythagoras").
Per la sezione Junior 2, invece, Vittoria Altomonte (Liceo Scientifico Statale “Euclide”, Bova Marina), menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Attinà Natalino (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Federico Cangeri (Liceo Scientifico Statale "A. Volta) Cosimo Cicco (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni) e Domenico Maisano (Liceo Scientifico Statale "E. Fermi", Bagnara).
Infine, per la categoria senior, Andrea Labate (Liceo Scientifico e delle S.A. Statale “Leonardo da Vinci”), Angelo Latella (Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”), Vincenzo Sorrentino (Liceo Scientifico “M. Guerrisi”, Cittanova), Ruggero Britti (Liceo delle Scienze Umane Statale "T. Gullì"), Alexia Verduci (I.I.S. Statale "Nostro - Repaci", Villa San Giovanni).
Nella categoria Junior 1 sono risultati vincitori, Marco Carbone, Luigi Sorrentino, Mihail Dimitrov, Davide Geria, Antonino Morgante.
Nella categoria Junior 2 é risultata vincitrice Vittoria Altomonte e nella senior Andrea Labate, menzione speciale per la miglior prova teorica della sua categoria, Angelo Latella, Vincenzo Sorrentino.
«I docenti che hanno accompagnato i ragazzi in questa meravigliosa esperienza sono stati il punto di riferimento dell’istruzione scolastica di provenienza - continua la professoressa Misiano. Voglio anche ringraziare tutti i dirigenti scolastici per la fiducia accordata al Planetario per la "missione" Olimpiadi. Nei prossimi mesi la nostra struttura continuerà le attività di formazione e di divulgazione della conoscenza scientifica, con eventi e manifestazioni aperte a tutta la cittadinanza».

«I miei complimenti ed il plauso da parte di tutta la comunità reggina ai ragazzi vincitori delle Olimpiadi nazionali di Astronomia, premiati nei giorni scorsi durante la cerimonia tenutasi all’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari. In bocca al lupo anche agli studenti che nel prossimo autunno rappresenteranno la Calabria alle Olimpiadi internazionali in Sri Lanka. La Calabria e la Città Metropolitana di Reggio Calabria si confermano eccellenze nazionali ed internazionali sul piano scientifico. Questi ragazzi rappresentano un esempio di come, attraverso lo studio e la perseveranza, si possano raggiungere risultati straordinari, arrivando a competere, a livello internazionale, con le migliori giovani menti nel campo scientifico». E’ quanto scrive il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà esprimendo le sue felicitazioni per gli straordinari risultati raggiunti dagli studenti reggini alle ultime Olimpiadi di Astronomia.

«Il Planetario Pythagoras - ha aggiunto il sindaco -struttura d’eccellenza del nostro territorio, si conferma fucina di straordinari talenti riconosciuti ed apprezzati in Italia e nel mondo. Non è un caso infatti che l’intera delegazione calabrese degli studenti che hanno avuto accesso alle finali nazionali provenisse dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria e che su un totale di quindici studenti in tutta Italia, ben nove siano stati gli studenti reggini a superare la prova. Risultati straordinari che evidenziano il grande lavoro svolto in questi anni nelle scuole del nostro comprensorio metropolitano, reso possibile anche grazie al brillante contributo del Planetario e della sua responsabile, Professoressa Angela Misiano, che da anni ormai, con amore e perseveranza, coccola e stimola gli studenti reggini appassionati di questa fantastica disciplina che è l’astronomia».

«Alla Professoressa Misiano - ha concluso il sindaco - chiederò di poter incontrare gli studenti vincitori delle Olimpiadi per ringraziarli personalmente, anche a nome delle istituzioni comunali e metropolitane, e dell’intera comunità reggina, per aver contribuito, attraverso i brillanti risultati conseguiti, a portare alto il nome della nostra città in Italia e nel mondo».

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento