Sunia, Sicet e Confedilizia: 'Depositato all’Agenzia delle Entrate il nuovo accordo territoriale per la città di Reggio Calabria riguardante i contratti concordati di locazione'

Soddisfatte le più grandi organizzazioni di rappresentanza di proprietari e inquilini per il completamento del complesso iter previsto dalla legge: 'I cittadini adesso non sono più soli, rafforzati dalla nostra intesa. Un cambio di passo importante nelle politiche per la casa'

Condividi su WhatsApp

Agenzia delle entrate RC, ph wikipedia “Con il deposito presso la Direzione Provinciale di Reggio Calabria dell’Agenzia delle Entrate, avvenuto il 6 giugno 2018, si conclude l’iter burocratico-amministrativo che ha visto, il 9 maggio scorso, il suo momento cardine con la sigla del nuovo accordo territoriale per la città di Reggio Calabria - relativo ai contratti concordati di locazione - cui devono uniformarsi i contratti d’affitto agevolati ad uso abitativo nonché i contratti transitori e quelli riguardanti gli studenti universitari”.

Lo comunicano Sunia, Sicet e Confedilizia di Reggio Calabria che già lo scorso 10 maggio avevano perfezionato, ai sensi dell’art. 2, comma 3, della Legge n. 431/98 e del D.M. 16 gennaio 2017, l’importante accordo che consente agevolazioni per inquilini e proprietari.

La consegna all’Agenzia delle Entrate, avvenuta dopo un confronto con gli uffici competenti, segue il deposito dell’accordo stesso, il 24 maggio scorso, presso la Regione Calabria. “I cittadini adesso non sono più soli, rafforzati dalla nostra intesa che, dopo un lungo e articolato lavoro, rappresenta un cambio di passo importante nelle politiche per la casa” dichiarano con soddisfazione i rappresentanti sindacali.

L’accordo riguarda tutto il territorio del Comune reggino che, ai fini della determinazione dei canoni per i contratti agevolati, è stato suddiviso in quattro zone omogenee, rispettivamente: centrale, semicentrale, periferica ed extraurbana.
La possibilità di ottenimento delle agevolazioni fiscali è subordinata alla attestazione di conformità del singolo contratto all’accordo depositato; detta attestazione - ovvero la più completa assistenza alla redazione dei contratti di locazione – può essere rilasciata da ciascuna delle Organizzazioni di Categoria firmatarie dell’accordo stesso.

L’accordo, in vigore a Reggio Calabria dallo scorso 10 maggio, che sostituisce integralmente il precedente appena scaduto, è stato depositato all’Agenzia delle Entrate da Carmen Russo Calveri, presidente di Confedilizia Reggio Calabria ed Antonino Labate, vicepresidente; Francesco Alì della Cgil Calabria, in rappresentanza del Sunia; Giusy Saccà, Sicet Reggio Calabria; e Totò Marra, Sunia.

I rappresentanti delle più grandi organizzazioni sindacali della proprietà e dell’inquilinato hanno sottolineato che “con questa consegna si conclude un iter che rafforza le politiche per la casa nel territorio. Rispettare tutte le prescrizioni stabilite dalla legge significa dare ai cittadini maggiori garanzie e certezze”.
“L’obiettivo ambizioso – spiegano i sindacalisti - è quello di rafforzare il gioco virtuoso delle locazioni abitative in modo che i proprietari possano concedere gli immobili in locazione e usufruire di importanti agevolazioni fiscali mentre i conduttori possano godere di altre agevolazioni e, soprattutto, dei beni a canoni inferiori a quelli di mercato realizzando così uno scambio equo che avvantaggia tutte le parti contraenti”.

L’accordo, sottoscritto da Confedilizia Calabria, Confedilizia Reggio Calabria, Sunia Calabria e Sicet Reggio Calabria – spiegano Alì, Saccà, Calveri, Labate, e Marra -riguarda tutto il territorio del Comune di Reggio Calabria, ma si può applicare anche nei Comuni ad alta densità abitativa senza accordo territoriale ed ai Comuni non ad alta densità, ma dichiarati in stato d’emergenza nei 5 anni precedenti il 28 maggio 2014. Anche se il nostro obiettivo rimane quello di stipulare accordi in tutti i Comuni dove si riescano a determinare le condizioni per ottenere agevolazioni concrete ed eque. Abbiamo già diversi tavoli aperti e tante richieste di confronto che ci hanno inviato i sindaci della provincia”.

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento