Borsa di studio intitolata al preside Salvatore Zema a Giovanni Errante, lo studente del liceo Volta che ha 'conquistato' il Cern di Ginevra

Il noto pediatra reggino Filippo Zema porge ai giovani il 'testimone' culturale lasciatogli dal padre. E come Past president del Rotary Rc Sud Parallelo 38 consegna i riconoscimenti per 'Promuovere la legalità' con il presidente Rotary Luigi Leone e Luciano Gerardis, Presidente Corte d'Appello di Reggio. Ecco i nomi e le foto degli studenti del Volta premiati

Condividi su WhatsApp

 

L’incontro della scuola con le risorse culturali e sociali del territorio di riferimento può  creare occasioni più che interessanti per la crescita degli studenti. Al Liceo Volta di Reggio Calabria ciò avviene spesso perché appartiene alle scelte educative di questa realtà scolastica l'apertura al dialogo continuo.


Ecco, quindi, il sodalizio con il Club Service Rotary International Distretto 2100 – Club Reggio Calabria Sud Parallelo 38  che realizza da tre anni, per gli studenti del Liceo Volta, il concorso “Promuovere la legalità”.

I ragazzi si sono impegnati a produrre elaborati secondo le quattro categorie previste dal bando: spot/corto amatoriale, manifesto e/o locandina, scatto fotografico, elaborato di scrittura. In palio, l'assegnazione di borse  da spendere in beni di utilità per lo studio. Ulteriore borsa, intitolata al professore Salvatore Zema, Preside dell'ITC “Piria” negli anni '70, viene offerta dai familiari per tener vivo il ricordo di un uomo di scuola che si è impegnato a lungo per la formazione dei giovani.

Nella mattinata di giovedì sette giugno, nella Sala Socrates del Liceo Volta, a partire dalle ore 10 si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso con  i saluti iniziali a cura della Dirigente, prof.ssa Angela Maria Palazzolo, del dott. Luigi Leone, Presidente del Club Rotary Parallelo 38, e del dott. Filippo Zema, Past President del medesimo Club.

I lavori sono proseguiti con gli interventi della prof.ssa Francesca Crisarà, docente di Storia e Filosofia del Liceo, e del dottore Luciano Gerardis, Presidente della Corte d'Appello di Reggio Calabria. Moderatore, il giornalista, dott.. Giuseppe Giannetto.

Un gruppo di alunni  del Laboratorio teatrale della Scuola ha eseguito una breve pièce di teatro civile sulla vicenda del piccolo Giuseppe De Matteo, esempio tragico di quanto non sia vero che “la mafia risparmia i bambini”, come i giovani attori hanno drammaticamente ricordato.

Si è passati, dunque, alla premiazione  degli studenti vincitori : Giuseppe Dato  VC (manifesto e/o locandina) , Simona Attisano, Carmelo Gambello, Carmelo Foti, Matteo Laganà, Alessandra Villa   IIIC sportiva elaborato di scrittura , Allison Bilardi, Danilo Giustra, Giovanni Intravaia, Ludovica Laganà, Marica Maiolo, Francesco Pio Polimeni, Gabriele Sofi, Fabio Tortora, Marco Vella, Antonino Verduci  IC scienze applicate spot/corto amatoriale e Angela Crucitti e Michela Sofi IC scienze applicate spot/corto amatoriale) , dopo aver visionato i prodotti e letto le motivazioni della scelta compiuta dalla commissione.

Un momento particolare è stato riservato alla borsa di studio intitolata alla memoria del prof. Salvatore Zema, attribuita  ad uno studente distintosi per merito, in ambito scientifico, per promuovere approfondimenti e ricerche in ambito nazionale ed internazionale.



Il dottore Filippo Zema, dopo aver presentato la figura del proprio padre, ha chiamato lo studente vincitore, Giovanni  Errante della classe VA scienze applicate, che ha compiuto un percorso di eccellenza che lo ha portato al CERN di Ginevra più volte, ultimamente anche per una significativa esperienza di Alternanza Scuola Lavoro.

La mattinata si è conclusa con l'allusione alla ormai prossima fine dell'anno scolastico e con l'eco delle parole più belle consegnate dai ragazzi: gli attori che hanno fatto emozionare i presenti, i giovani vincitori che hanno presentato con molta semplicità ed autenticità i propri lavori, lo studente distintosi nel corso del suo percorso scolastico per merito e che ha regalato al pubblico un video con le sue esperienze di studio  più significative, realizzate – ha sottolineato – grazie alle opportunità offerte dalla Scuola. Una Scuola che non chiude mai e che è sempre pronta a progettare con i propri ragazzi. Una Scuola che si chiama Liceo Volta.

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento