Esordio amaro per la Viola Reggio Calabria. Matera vince nel finale 60-58

Condividi su WhatsApp

Enzo Cena, Olimpia Basket Matera Qui Reggio Calabria

Inizia con una sconfitta il campionato della Viola Reggio Calabria che si arrende al PalaSassi di Matera con il risultato di 60-58, al termine di un match condotto per lunghi tratti. Fatale agli uomini di Mecacci la seconda parte di gara, nella quale Matera, grazie ad uno straordinario Cena e al decisivo Merletto porta a casa i primi due punti della stagione.

Mecacci si affida al "quintetto base" provato in tutto il precampionato: Alessandri in regia, Nobile e Fallucca esterni, Fall e Paesano sotto le plance. Origlio schiera Merletto, Datuowei, Cena, Del Testa e l'ex Sereni.

Ottimo approccio difensivo per la Viola con Fall, protagonista sui due lati del campo. Mecacci ruota ben nove uomini nel solo primo periodo, proprio dalla panchina entra Carnovali che porta la Viola sul 8-16 con cui si chiude la prima frazione.

Pesano apre il secondo quarto con una stoppata su Sereni ed una splendida schiacciata, la Viola vola sul +14 (8-22) ma poi perde la brillantezza offensiva mostrata nella prima parte di gara. Cena sigla dodici punti nella sola seconda frazione ricucendo lo svantaggio dei padroni di casa. Paesano, sulla sirena, firma il tap-in con cui si va all'intervallo (20-30).

Al rientro dagli spogliatoi, la poca precisione al tiro costa caro alla Viola Reggio Calabria. Il solito Cena, ben assistito da Del Testa, rimettono in scia i padroni di casa. Carnovali e Nobile due volte chiudono la terza frazione sul 38-42.

Gli ultimi dieci minuti sono tiratissimi ed equilibrati. Cena impatta il match sul 46 pari. Nel momento più difficile, la Viola si sblocca dall'arco con Alessandri prima e Nobile poi. Ma è Matera ad essere più lucida nel finale e, grazie alla penetrazione di Merletto sulla sirena, conquista la vittoria. Finisce 60-58.

Qui Matera

Al termine di un match nervoso e con punteggio basso, i ragazzi di coach Origlio si impongono di misura sui calabresi. Enzo Cena firma 29 dei 60 punti realizzati dai locali, decisiva la prestazione dei materani Buono e Merletto alla fine del match.

Un’Olimpia Matera sontuosa, e soltanto all’inizio intimorita dai titoli vantati dagli illustri avversari, si è imposta sulla Viola Reggio Calabria al Palasassi, domenica 7 ottobre 2018, con il risultato di 60 a 58, nella prima partita del Campionato Nazionale di Pallacanestro – Serie B “Old Wild West” – Girone D.

Non è stata una partita semplice, molti infatti gli errori da entrambe le parti – specie in fase offensiva e nella prima parte del match, ma con le difese seriamente impegnate a contenere i passivi. Nel primo quarto, i calabresi riuscivano a doppiare con esperienza i locali, con un punteggio comunque in formato ridotto: 16 a 8. Il magro bottino conseguito dai materani in quasi cinque minuti di gioco (4:47), non riceveva altri contributi per i successivi nove minuti, (13:41 con il punteggio di 22 a 8, meno 14), allorquando una tripla di Enzo Cena riduceva il gap ad un più ragionevole meno 11. Fugati i timori di un passivo imbarazzante, la seconda frazione sembrava prendere una piega differente, riportando lo scarto a dieci punti, sul risultato di 30 a 20 per gli ospiti.

Nel rientro in campo dopo la pausa lunga, cambiava qualcosa per i biancoazzurri, nel modello di gestione della partita; lo racconta il coach Olimpia, Agostino Origlio: “Abbiamo iniziato a fare le cose più semplici e siamo riusciti ad ottenere quello che volevamo. I nostri avversari erano duri, e l’hanno dimostrato fino alla fine della partita”. Il terzo quarto serviva ai materani per ridurre il divario a sei punti (42 a 38 per la Viola) e finalmente, nei primi tre minuti dell’ultimo quarto, l’Olimpia cambiava definitivamente regime e riusciva a raggiungere la tanto agognata parità (46-46), grazie a due tiri da tre punti di Del Testa e Cena. Da questo momento, l’Olimpia passava a condurre con un vantaggio minimo, che toccava la punta estrema di quattro punti, e i reggini pronti a rintuzzare ogni tentativo di ulteriore fuga da parte dei lucani.
Ma ecco che i due materani in campo, Renato Buono prima e Daniele Merletto poi (a poco più di un secondo dalla fine, con una fortunata incursione in area), riuscivano a tenere gli ospiti a due punti di distanza, un differenziale comunque sufficiente per conquistare la vittoria (malgrado il tentativo estremo degli ospiti di realizzare un buzzer beater): 60-58 il punteggio finale.

Da segnalare la prestazione di Enzo Cena, con un’ottima serie di cinque tiri da tre, e con un impressionante score personale di 29 punti sui 60 realizzati in tutto dalla sua squadra. Così l’italo argentino commenta la partita: “Abbiamo sbagliato tanto – subendo un po’ di tensione e inesperienza – ma siamo una formazione giovane. In ogni modo, la squadra è forte e il gruppo è unito, sapevo che saremmo riusciti alla grande. L’emozione ha inciso tanto: si trattava della prima partita, ed è comprensibile un po’ di ansia per voler dimostrare tutto e subito”. Osserva coach Origlio: “In Cena ha prevalso l’esperienza, è riuscito a caricarsi la squadra durante tutta la partita, e ha ricevuto pochi cambi a causa dell’indisponibilità di Mancini. È stato l’unico che, con continuità, è stato dentro la partita, poi la squadra si è sciolta e siamo riusciti ad andare avanti fino alla fine.”

A proposito del match, Origlio conclude: “Immaginavo una partita tesa, difficile, rognosa, con punteggio basso; conosco i miei ragazzi, che in fase difensiva hanno dimostrato l’aspetto migliore. Sono stati bravi fino alla fine, e questa partita – oltre le considerazioni sul valore assoluto dell’avversario – è stata importante. Peraltro, la squadra che gioca in casa rischia di più nella prima di campionato. Non siamo stati precisi e brillanti, ma è una cosa che ci può stare, a inizio di torneo. Inoltre il pubblico, che all’inizio ha osservato attentamente il gioco, prendendo le misure con i suoi nuovi beniamini, si è poi rivelato molto presente, pronto a incitare l’impegno dei nostri giocatori: ci auguriamo che sia sempre più presente nei prossimi incontri casalinghi”.

Positivo il commento del Presidente dell’Olimpia Matera, Pasquale Lorusso: “Era la prima prova di campionato, i ragazzi hanno trovato nella fase iniziale un momento di difficoltà, poi alla fine sono riusciti a portare il risultato a casa. Non è stato semplice ma hanno avuto la capacità di conseguire l’obiettivo auspicato, di fronte a un avversario d’indubbie capacità. È la migliore premessa per il futuro. E poi, oltre a Cena – che ha dato dimostrazione di grande professionalità – i due materani hanno provato un’emozione ancora più forte, riuscendo con soddisfazione a dare un personale e importante contributo per la vittoria finale”.

In doppia cifra, oltre a Cena, anche Daniele Merletto con 10 punti. Matteo De Leone è stato l’autore di 10 dei 32 rimbalzi complessivi dell’Olimpia. Per la Viola Reggio Calabria, doppia cifra per Nobile, Fall e Alessandri.

Negli altri incontri del girone D, vincono in casa – e affiancano l’Olimpia Matera a due punti in classifica – Luiss Roma (su Napoli Basket, 75-68), Palestrina su Battipaglia (72-52), e Capo d’Orlando su Catania (74-67); vittorie esterne, invece, per Iul Roma (a Pozzuoli, 73-79), Scauri a Palermo (76-95) e Caserta a Salerno (65-68). Sospesa al secondo minuto, sul punteggio di 5-0, la partita tra Roma Stella Azzurra e Valmontone per impraticabilità del campo.

Tabellini

Olimpia Matera-Viola Reggio Calabria 60-58 (8-16; 20-28; 38-42)

Olimpia Matera: Buono 6, Cena 29, Merletto 10, Del Testa 9, De Leone, Lopane, Sereni 2, Mancini, Montemuro, Datuowei 2, Battaglia 2, Cesano - Coach: Origlio.

Viola Reggio Calabria: Alessandri 11, Paesano 6, Nobile 13, Mastroianni 5, Falluca 2, Vitale 2, Carnovali 7, Fall 12, Agbogan, Scialabba - Coach: Mecacci.

Arbitri: Nicola Tammaro di Montecorice (Salerno) e Vincenzo Di Martino di Santa Maria La Carità (Napoli).

Ph ServiziStampa® per Olimpia Matera News

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento