Grande Ospedale Metropolitano, incontro Neonatologico-Pediatrico sulle malattie rare

Condividi su WhatsApp

Si è svolto nelle giornate del 19 e 20 Ottobre a Reggio Calabria, presso l'E'Hotel il primo Congresso Neonatologico-Pediatrico del Grande Ospedale Metropolitano organizzato dal Primario delle U.O.C. di Neonatologia-TIN e Pediatria Luisa Pieragostini e dalla Neonatologa Alessandra Falcone.

Il tema del Congresso "Rare Disease" è stato programmato con l'intento di rinsaldare la collaborazione tra Ospedale e territorio affrontando dei temi di alto livello con i massimi esperti di malattie genetiche e metaboliche.

In base ai dati coordinati dal registro nazionale malattie rare dell'ISS, in Italia si stimano 20 casi di malattie rare ogni 10.000 abitanti e ogni anno sono circa 19.000 i nuovi casi segnalati dalle oltre 200 strutture sanitarie diffuse in tutta la penisola. Il 20% delle patologie riguarda pazienti in età pediatrica.


Si conoscono circa 7000-8000 tipi di malattie rare e si conta che ogni pediatra di famiglia possa seguirne almeno 6, con l'ausilio dell' Ospedale.

Sono stati presentati casi clinici che hanno aperto interessanti discussioni e preziosi sono stati gli interventi riguardo le malattie malformative e metaboliche e la gestione a 360 gradi medica, infermieristica e familiare.

Il Congresso ha visto una numerosa partecipazione di infermieri, ostetriche, pediatri di famiglia e ospedalieri, nonché dei volontari dell'Associazione per la neonatologia Eracle e della Fondazione "Benedetta è la vita" onlus, attive all'interno dell'Ospedale al fianco delle famiglie con bambini ricoverati nei reparti di neonatologia e pediatria.

La Dottoressa Pieragostini e la Dottoressa Falcone, considerato il riscontro positivo di questa prima proposta formativa, sono già al lavoro per la seconda edizione in cui saranno affrontati temi di "Immunologia" che abbracceranno la fase di vita dal neonato all'adolescente.

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento