Tris Viola Reggio Calabria al PalaMangano di Palermo. Risultati e classifica

Green, una buona reazione d'orgoglio non basta: Vincono i neroarancio 72-82. Fiato sospeso in riva allo Stretto per le vicende societarie

Condividi su WhatsApp

Ph Green Basket Palermo Green, una buona reazione d'orgoglio non basta: al PalaMangano passa la Viola 72-82

Qui Palermo

Partita sulla carta proibitiva contro una delle corazzate del girone, al terzo impegno in sette giorni, con uno scossone alla guida tecnica tutto da metabolizzare. Un rivoluzionato Green mette sul parquet la rabbia richiesta da coach Priulla, al debutto sulla panchina biancoverde, e dà filo da torcere alla Viola Reggio Calabria: in una partita equilibrata, giocata colpo su colpo, la maggiore qualità dei neroarancio viene fuori soltanto alla distanza, 72-82 il risultato finale.

La apre Fall dalla lunetta, poi Paunovic con un'inchiodata in contropiede e Svoboda dall'arco siglano il 5-2 dopo 2'. Giancarli pesca il +5, il Green rivela grinta e rabbia da vendere, scavando un margine importante, 14-7 a metà quarto, sulle incursioni di Paunovic e Venturelli. La Viola reagisce con Nobile e Carnovali, i padroni di casa però riallungano con Dal Maso e Venturelli, chirurgici dalla distanza. Ne esce fuori un finale di quarto ad alta intensità in cui il Green è bravo a restare col naso avanti, 26-23 dopo 10'.

Svoboda apre le danze dopo il minibreak, poi Paesano e Nobile scuotono i neroarancio propiziando il controsorpasso, 29-30 in un batter d'ali. Paunovic risponde, Mastroianni rincara la dose: ne esce una gara giocata colpo su colpo che recita 32 pari a metà periodo. Due ottime giocate difensive di Migliorelli e Giancarli infondono ritmo, in sede offensiva però le percentuali calano. Dall'altro lato Agbogan in uscita dalla panchina apre un parziale sanguinoso, che consente alla Viola aggancio e sorpasso: 39-44 il risultato all'intervallo su un semigancio di Paunovic (13 punti nei primi 20’) che tampona l'emorragia.

Al rientro la musica non cambia: il Green produce poco e male, la Viola acquista fiducia e con Agbogan e Fallucca impatta la doppia cifra di vantaggio. È un break violento quello della Viola, che spinge fino al 39-57. Il Green però non ci sta e, dopo aver toccato il fondo, risale la china con una reazione tutta cuore e muscoli: Dal Maso e Venturelli pescano punti pesanti, ristabilendo una distanza ridotta, 51-61, sulla quale poter lavorare nell’ultimo atto.

Il Green prova a ricucire, ma la Viola con esperienza argina il rientro degli avversari: Giancarli pesca la bomba del -7, un roccioso Dal Maso (season high da 13 punti) segue a ruota, poi Carnovali sale in cattedra e ripristina le distanze. Vitale e Paesano rimpolpano lo scarto, Lombardo e Caronna combinano per il 68-75 con 3’ da giocare. Nel finale si accendono gli animi: la Viola continua a martellare, il Green deve fare i conti con un antisportivo a Venturelli e con l’espulsione di coach Flavio Priulla, all’esordio sulla panchina biancoverde. Partita in ghiaccio per i neroarancio: la Viola passa con merito al PalaMangano, 72-82 il finale. Per il Green da registrare una buona reazione d’orgoglio, arrivata in un momento di grande difficoltà, contro una delle formazioni più attrezzate di questo campionato.

TRIS VIOLA, AL PALAMANGANO È TRIONFO NEROARANCIO

Qui Reggio Calabria

Partita intensa al PalaMangano, ma la Viola - con un secondo e terzo periodo sontuoso dal punto di vista difensivo - porta a casa la seconda vittoria esterna consecutiva: 72-82, il risultato finale.

Sugli scudi Carnovali e Fallucca (15 punti entrambi). Bene Paunovic e Venturelli tra i locali.

Seconda trasferta consecutiva per la Viola Reggio Calabria di coach Matteo Mecacci impegnata al PalaMangano, casa della Green Basket Palermo, formazione in cerca di riscatto dopo la sconfitta nel derby siculo con l’Alfa Basket Catania nel turno infrasettimanale. Palermo, inoltre, presenta una novità in panchina: dopo l’esonero di coach Marco Verderosa, esordio infatti per l’ex Trapani, Flavio Priulla.

Viola in canotta nera con strisce arancioni; lo starting five è il solito: Alessandri, Nobile, Fallucca, Paesano e Fall; la Green Basket, con divisa bianco-verde, risponde con Giancarli, Svoboda, Venturelli, Paunovic e Caronna. Gli arbitri del match sono Di Franco e Naftali.

Partenza aggressiva di Palermo che piazza un parziale di 7-0, dopo che la Viola aveva sbloccato il proprio referto con un 2/2 ai liberi di Fall, costringendo al time-out coach Mecacci. La Viola prova a rientrare con un 4-0 firmato Paesano e Nobile. Palermo però mantiene le distanze con due canestri in fila da sotto canestro e una super-bomba di Venturelli (14-6), ma la notizia peggiore arriva col secondo fallo di Alessandri costretto al cambio con Vitale. La bomba di capitan Fallucca (14-10) ridà fiducia a una Viola che nei primi 5 minuti del match subisce la fisicità di Caronna e Paunovic. Rotazione a nove elementi per Mecacci, in virtù anche del secondo fallo di Fall, con l’esordio per Mastroianni, Agbogan e Carnovali. Proprio l’ex Ferentino con 7 punti consecutivi si carica l’attacco della Viola che però continua a soffrire terribilmente sotto le plance il peso di Caronna, Del Maso e Paunovic. Nell’ultimo minuto non segna più nessuno e al primo riposo si va sul 26-23.

Rientro in campo e dopo 18 secondi terzo fallo personale al play Alessandri che resta in campo: prova ad allungare Palermo con la tripla di Svoboda, la risposta è nel pick’n’roll della Viola con quattro punti in fila di Paesano dall’angolo (29-27). Nervosismo sul parquet col fallo tecnico di Svoboda, punito di Carnovali, prima, e poi col canestro di Nobile per il primo vantaggio della Viola. Grande ritmo della partita, a scontarlo – in lucidità - ancora Alessandri che commette il quarto fallo in tredici minuti, uscendo fuori dal match. Si segna solo dai liberi: Paunovic e Mastroianni portano sul 32-34 a cinque minuti dall’intervallo lungo. Situazione falli sempre più pesante: tre falli per Fallucca e Fall con fallo tecnico aggiuntivo alla panchina per proteste. 35-34 coi canestri di Venturelli e Svoboda per il nuovo vantaggio della Green Basket. Reggio Calabria si mette a zona in difesa e ritrova la via del canestro con Agbogan (6 punti in 2 minuti), Mastroianni e Paesano riportando i neroarancio avanti (35-44). Gli ultimi canestri sono della Green Basket che riduce lo scarto sul 39 a 44.

Agbogan, Nobile, Fallucca, Mastroianni e Paesano sono i cinque titolari del terzo periodo; per Palermo si riparte dal quintetto titolare con Giancarli, Svoboda, Venturelli, Paunovic e Caronna. Canestri chiusi per 2 minuti, fino alla tripla di capitan Fallucca e al tap-in di Agbogan che portano Reggio Calabria sul +10.
Succede poco fino al quinto minuto quando Mastroianni e Fallucca sparano la tripla del 39-55. Rientrano Alessandri e Fall, col playmaker che si sblocca dai liberi portando i neroarancio sul 13-0 nel terzo periodo. Rompe il digiuno una tripla senza ritmo di Giancarli a cui risponde sempre al tiro pesante Mastroianni (44-60). Venturelli e Del Maso provano a tenere in vita Palermo con un contro-parziale di 7-0. La sfida nella sfida tra Alessandri e Giancarli porta il play neroarancio al quinti fallo e alla doccia anticipata costringendo Meccacci al time-out sul 51-60. Dalla lunetta Fall fa 1 su 2 ai liberi portando il risultato alla fine del terzo quarto sul +10 per la Viola.

Il quarto periodo si apre con una tripla di Caronna che prova a scompaginare il piano difensivo della Viola: a rispondergli, in casa Viola, è lo specialista delle triple, Tommaso Carnovali con due bombe in fila. Ritmo su ritmo: Dal Maso e Venturelli ribattono sul 58-66. Viola che torna ancora sul +10 con l’arresto e tiro di Vittorio Nobile. Si iscrive a referto anche Donato Vitale con un super isolamento da tre punti che proiettano la Viola sul +12 (59-71).
A 5:45 fischiato fallo antisportivo a Giancarli su Alessandro Paesano che fa 2/2 ai liberi; allungo Viola concluso con lo slalom di Vitale per il 59-75. Dopo il canestro di Svoboda, Mecacci spende un time-put per organizzare la gestione finale della Viola, predicando calma con ampi gesti dalla panchina. Il rientro dopo la sospensione, però, premia Andrea Lombardo e Caronna (-9). Continua il digiuno della Viola con Lombardo che tiene a galla i suoi, poi Venturelli si fa fischiare un antisportivo per una reazione su Vitale. Il tiro libero del playmaker di scorta e il canestro di Paesano riportano la Viola sul +10 sull’1:42 alla fine. Palermo è solo Lombardo in attacco con l’esterno di coach Priulla che continua a realizzare a tenere accese le speranze dei siciliani (70-78). Il punto esclamativo sul match lo mette la tripla di Matteo Fallucca, 81-70. Tecnico al coach siciliano per proteste: il +12 è siglato col libero di Nobile e il lay-up di Giancarli che scrivono i titoli di coda alla partita sul 72-82.

Le vicende societarie della Viola lasciano, però, in riva allo Stretto, i tifosi neroarancio con il fiato sospeso.

Se sul fronte sportivo i neroarancio navigano a gonfie vele, di ben altro tenore sono, invece, le vicende societarie che riguardano la Viola Reggio Calabria con riferimento alle situazioni debitorie degli ultimi anni (riferite all'utilizzazione del PalaCalafiore ed al Pianeta Viola), contestate alla nuova proprietà.

Sull'argomento la società guidata da Coppolino ha, infatti, sentito il bisogno di convocare una conferenza stampa, aperta a operatori media e tifosi, per domani mattina (30 ottobre) alle ore 12.00 presso la sala riunioni del Pianeta Modena.

"Sarà occasione - si legge in una nota diramata dalla società - di dovuta chiarezza in merito alla situazione generale, anche dopo gli incontri ed i confronti dei giorni scorsi, ed ancora in essere, con la vecchia gestione e l’amministrazione di Reggio Calabria".

Tabellini

GREEN BASKET PALERMO – VIOLA REGGIO CALABRIA 72-82
(26-23, 13-21, 12-17, 21-21)

Green Basket Palermo: Giancarli 10, Svoboda 8, Paunovic 13, Caronna 6, Lombardo 10, Del Maso 12, Venturelli 13

Coach: Priulla

Viola Reggio Calabria: Nobile 7, Agbogan 8, Mastroianni 11, Paesano 14, Fallucca 14, Vitale 6, Fall 4, Alessandri 2, Carnovali 15

Coach: Mecacci

Arbitri: Di Franco e Naftali.

Risultati

In Più Broker Roma-Decò Caserta 78 - 74, Bava Virtus Pozzuoli-Ge.Vi. Napoli Basket 73 - 62, IUL Basket Roma-Treofan Battipaglia 64 - 61, Citysightseeing Palestrina-Virtus Arechi Salerno 75 - 83, Irritec Costa D'Orlando Capo D'Orlando-Luiss Roma 75 - 82, Green Basket Palermo-Viola Reggio Calabria 72 - 82, Olimpia Matera-Alfa Basket Catania 81 - 68

Classifica

In Più Broker Roma 10, Decò Caserta 8, Virtus Arechi Salerno 8, Olimpia Matera 8, Viola Reggio Calabria 6, Global Service Spa Basket Scauri 6, IUL Basket Roma 6, Luiss Roma 6, Citysightseeing Palestrina 4, Ge.Vi. Napoli Basket 4, Special Days Virtus Valmontone 2, Bava Virtus Pozzuoli 2, Irritec Costa D'Orlando Capo D'Orlando 2, Alfa Basket Catania 2, Green Basket Palermo 2, Treofan Battipaglia 0

Ph Green Basket Palermo

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento