Poker della Viola che conquista il secondo posto in classifica vincendo al PalaCalafiore

Battuta anche Pozzuoli. Ma la partita più importante si gioca sulla questione debitoria. L'ammistratore potrebbe ritirare la squadra

Condividi su WhatsApp

Quarta vittoria consecutiva per la Viola Reggio Calabria che nel recupero della quarta giornata supera al “PalaCalafiore” la Virtus Pozzuoli per 76-56.

In un match combattuto ed equilibrato per lunghi tratti a fare la differenza è l’ultimo quarto dei reggini trascinati dal capitano Matteo Fallucca autore di 17 punti.
Con questo successo la Viola raggiunge il secondo posto in classifica.

Consueto quintetto per Reggio Calabria: Alessandri, Nobile, Fallucca, Fall e Paesano. Serpico risponde con Di Marco, Carrichiello, Tessitore, Bini ed Errico. Nobile è il più ispirato tra i padroni di casa, cinque punti in fila dell’ex Udine portano la Viola avanti (12-7), Tessitore risponde immediatamente con un contro parziale (12-12). Mecacci è costretto al primo time-out del match e la sua squadra risponde presente guidata da capitan Fallucca. 22-17 il primo parziale.

Avvio di secondo periodo che premia Pozzuoli, Bini e Di Marco colpiscono la difesa neroarancio con continuità, la tripla di Mastroianni e due canestri di Peasano danno il nuovo vantaggio (35-31). I liberi di Fall e il gancio di Mehmedoviq mandano le squadre all’intervallo sul 37-33.

La tripla di Fallucca apre il terzo quarto (40-33), due triple di Carrichiello ed Errico riportano gli ospiti in scia costringendo Mecacci al timeout.
La pausa riporta in campo nuovamente Mastroianni che infiamma il “PalaCalafiore” prima con una schiacciata in contropiede e poi con la stoppata ai danni di Carrichiello.
Puzzuoli tuttavia risponde colpo su colpo, l’equilibrio lo rompe però la tripla di Agbogan sulla sirena della terza frazione (56-49).


Capitan Fallucca s’inventa due canestri pazzeschi, la Viola prende ritmo e grazie anche all’aggressività di Agbogan. Il quarto periodo è tutto per i neroarancio che scappano via nel momento decisivo della gara (70-52).
Sontuosa l’ultima parte di gara dei ragazzi di Mecacci che dominano il quarto realizzando con continuità. Pozzuoli deve arrendersi. Termina 76-56.

Ma la partita più importante per i neroarancio si giocherà fuori dal parquet.
I debiti maturati negli anni precedenti potrebbero essere un ostacolo insormontabile.
Si attendono risposte da un nuoco incontro chiarificatore tra società e Comune di Reggio Calabria.
Le posizioni in campo sono chiare: l'amministratore unico della Viola, Aurelio Coppolino sostiene che i debiti non sono ascrivibili alla nuova società e che potrebbe ritirare la squadra dal campionato già nei prossimi giorni.
Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà si è dichiarato disponibile ad andare incontro al club, ma nel rispetto delle regole, di fronte a progetti sostenibili e senza strumentalizzazioni.
Fiato sospeso, dunque, per i tifosi neroarancio che temono che la stagione sportiva della Viola potrebbe avere le ore contate.

Tabellini

Viola Reggio Calabria – Virtus Pozzuoli : 76-56 (22-17,15-16,19-16,20-7)

Viola Reggio Calabria: Ciccarello , Alessandri 10, Grgurovic, Fall 9, Fallucca 17, Agbogan 7, Carnovali, Mastroianni 10, Paesano 13,Nobile 10, Vitale

Coach: Mecacci
Assistenti: Trimboli, Motta

Virtus Pozzuoli: Conforto, Di Domenico n.e, Carrichiello 12,Longombardi 3, Di Marco 7, Caresta n.e, Errico 4, Bini 13, Mehmedoviq 2, Tessitore 8, Ajayi n.en.

Coach: Serpico
Assistente: Pepe Arbitri: Zancolò, Roiaz

Ph Viola Reggio Calabria 

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento