Corti Cosenza, dopo Chiara Francini gli studenti incontrano Alessandro Baricco

La rassegna del 'Teatro in note' con la direzione artistica di Vera Segreti

Condividi su WhatsApp

Parte con grande entusiasmo la sesta edizione di Corti Cosenza, la rassegna messa in piedi da Teatro in note con la direzione artistica di Vera Segreti.

Il primo incontro con la scrittrice a e attrice Chiara Francini che ha presentato agli studenti il suo ultimo libro “Mia madre non lo deve sapere” e si è lasciata andare in una piacevole chiacchierata con gli alunni coinvolti nel progetto Corti Cosenza.
Racconti di vita, modo di scrivere, aneddoti sono stati al centro delle domande degli studenti degli istituti superiori di Cosenza Pezzullo, Quasimono, Da Vinci, Nitti, Serra, Mancini, Tommasi, Monaco, il Valentini e Majorana di Castrolibero e l’Istituto tecnico industriale e lo scientifico di Bisignano.
Con Chiara Francini gli studenti hanno, inoltre, parlato del tema che caratterizza la nuova
edizione di Corti Cosenza: le dipendenze con e senza sostanze.


L'attrice e scrittrice è stata, inoltre, "spronata" nella discussione dal direttore artistico della rassegna Vera Segreti mostrando così i suoi lati più curiosi riscuotendo grande gradimento da parte dei giovani lettori presenti. Alla chiacchierata si è unita anche Franca Cribari che, per Corti Cosenza, realizza i corsi di scrittura creativa nelle scuole che aderiscono al progetto insieme a Elena Giorgiana Mirabelli.

La rassegna, che si svolge con il patrocinio della Calabria Film Commission e la Libreria Mondadori, avrà come secondo l’incontro con lo scrittore Alessandro Baricco che, l’8 dicembre alle ore 11 al Supercinema Modernissimo, presenterà il suo ultimo libro “The Game”, edito da Einaudi.
I ragazzi di Corti Cosenza avranno, dunque, l'occasione di confrontarsi con uno dei più importanti scrittori italiani ai quali sottoporranno domande e considerazioni che sono il fulcro che anima la rassegna.

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento