Circolo culturale Calarco, in collaborazione con il circolo del cinema Zavattini, presenta il film documentario 'Uscirai Sano' delle registe Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino

Per ricordare l’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Girifalco, una struttura in grado di produrre una rivoluzione nella cura delle malattie mentali

Condividi su WhatsApp

Domenica 27 gennaio alle ore 17.30 il Circolo culturale G. Calarco, in collaborazione con il “Circolo del cinema Cesare Zavattini”, presenta presenta presso la propria sede in via A. Vespucci, 10 G, il film documentario “Uscirai Sano – Sanus Egredieris” opera delle registe Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino.

Sanus Egredieris con questa frase scolpita nella pietra nel 1881 viene inaugurato l’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Girifalco (CZ), una grande struttura in grado di produrre una rivoluzione nella cura della malattia mentale. L’Ospedale psichiatrico di Girifalco era noto per l’applicazione di metodi alternativi di cura.

Nel documentario “Uscirai sano”, frutto di un’idea di Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino, che ne hanno curato la regia, le interviste agli psichiatri Dott. Salvatore Inglese e Dott.Mario Nicotera hanno messo in luce come la sperimentazione dell’open door e l’insegnamento di alcuni mestieri resero l’ospedale di Girifalco degno di menzione nel panorama psichiatrico nazionale.
Per molti dei ricoverati, la comparsa di un disturbo mentale faceva seguito alla solitudine, ad un grave stato di povertà in famiglia o a un lutto devastante mentre per altri l’evocata “pazzia” era soltanto il mezzo a cui si appellavano i familiari per trovare soluzioni definitive, quali il ricovero, ad un “problema. A Girifalco gli ammalati facevano parte della comunità, partecipavano alle giornate di festa del paese, erano conosciuti per nome, negli annali dell’ospedale è infatti riportata l’esperienza della gita a mare voluta dal direttore dell’epoca Dott.
Luigi Stefanachi, vissuta dai pazienti e dal personale medico come un autentico salto nella normalità.

Dall’archivio dell’Ospedale sono stati rivelati inoltre risvolti di interesse scientifico: la neurologa Amalia Bruni, nel consultare le cartelle cliniche dei ricoverati, ha scoperto che in diversi casi, a partire dal 1904, la descrizione dei sintomi dei pazienti era perfettamente in linea con quella dell’Alzheimer.

Il film documentario, che sarà proiettato nel corso dell’incontro, racconta i cento anni dell'Ospedale Psichiatrico di Girifalco, ripercorrendone la storia, i progressi scientifici, ma soprattutto le tante vicende umane dei pazienti che lo hanno abitato con le loro speranze. Perché dietro quella frase c'era una promessa da mantenere: "Uscirai Sano".

Barbara Rosanò, nata a Catanzaro nel 1982, già adolescente sviluppa un importante interesse per il cinema, studia Comunicazione a Roma e al rientro in Calabria fonda l'associazione culturale Kinema (2013) dando vita al docufilm "Uscirai sano" (2015) che tra il 2017 e 2018 viene proiettato a Torino, Genova, Milano, Firenze, Napoli, Verona, Lamezia, Roma (Museo MaXXI) Catanzaro, Cosenza, Vibo e viene visto da oltre 4000 spettatori.
Nel 2016 conduce la regia del cortometraggio "Luna rossa" insieme ai migranti del centro d'accoglienza di Don Giacomo Panizza e collabora ad altri lavori minori.
Nel 2018 ha diretto un secondo documentario: "Quello che non ho" sulla detenzione italiana.
Presenta il docufilm Tonino De Pace, Presidente Cirolo C. Zavattini, interviene Francesco Truglio, psichiatra.





Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento