Viola Reggio Calabria: passo falso a Catania, vince l'Alfa 88-82

Condividi su WhatsApp

Sfida difficile per la Mood Project Viola Reggio Calabria al "PalaCatania" contro la formazione etnea di coach Guerra che sceglie Provenzani, Consoli, Sirakov, Vita Sadi e Agosta per il quintetto iniziale. Matteo Mecacci conferma l'ultimo starting five con Alessandri, Agbogan, Fallucca, Paesano e Fall. Gli arbitri del match sono i signori Di Franco e Bavera.

Qui Reggio Calabria

"Partenza forte per Catania che dopo il primo canestro di Agbogan trova il 6-0 di parziale a causa di una difesa rivedibile dei neroarancio. A raddrizzare l'avvio della Mood Project ci pensa il 3/3 dall'arco del capitano Fallucca per l'11-13. Il contro-parziale di Catania è firmato da Agosta e Sirakov (15-15). L'Alfa continua a macinare ritmo e conferma le proprie percentuali da tre punti con le realizzazioni di Provenzani e del solito Sirakov (20-17). Il +8 di Catania è firmato da Gatti e Agosta per il massimo vantaggio etneo che chiude il quarto sul 26-18.

Il rientro della Viola è griffato ancora da Fallucca e Carnovali con 0-5 di parziale. Poi Sirakov si mette in proprio tenendo avanti Catania (33-28). La Viola vola in contropiede con Paesano per il -2. Il pareggio passa ancora dalle mani di capitan Fallucca. Il ritmo di Catania diminuisce sotto una buona difesa della Viola: il vantaggio neroarancio si concretizza ai liberi con Alessandri e Carnovali (33-35). Dall'altra parte Provenzani col fallo e canestro riporta l'Alfa avanti. Difesa della Viola che cala di intensità e trova dai liberi il nuovo vantaggio per il 45-38 con cui le squadre vanno nello spogliatoio.


Brutte notizie dall'infermeria: Fallucca, autore di 13 punti, fuori per un problema al tallone e rotazioni ancora più ridotte per coach Mecacci. I primi canestri del terzo periodo sono della Viola con Paesano e Carnovali. Contro-break di Catania con Provenzani, Gatti e Sirakov (54-44). Carnovali prova a tenere a galla la Viola con due triple, risposta di Sirakov senza ritmo (59-52). Gatti riporta Catania sul +10, ma la Viola che prova a rientrare col parziale (0-4). Gottini con la tripla ricaccia la Viola indietro (68-56). Il quarto si chiude con l'allungo di Catania sul 70-58.

Nervosismo all'avvio dell'ultimo periodo tra Alessandri e Consoli; il play della Viola trasforma col 2/2 l'antisportivo. Nobile si carica la Viola sulle spalle (-9), ma Catania non molla la presa sul match. Le bombe di Carnovali riportano i neroarancio sul -1: la Viola c'è. Provenzani prova a tranquillizzare il PalaCatania con la tripla del 81-77. Bissa dall'arco Gatti (86-79). L'ultimo strappo prova a darlo Carnovali con l'ennesima tripla dei suoi 23 punti giornalieri, ma non basta vince Catania 88-82".

Tabellino

Alfa Basket Catania - Mood Project Viola Reggio Calabria 88-82 (26-18; 45-38; 70-58)

Alfa Basket Catania
Gatti 13, Gottini 8, Consoli 4, Elia, Florio 4, Provenzani 18, Agosta 11, Vita Sadi 8, Patanè, Sirakov 22, Mazzoleni, La Spina
Coach Guerra

Mood Project Viola Reggio Calabria
Muià, Alessandri 6, Grgurovic, Fall 3, Fallucca 13, Agbogan 6, Carnovali 23, Paesano 19, Nobile 11, Vitale 1 Coach Mecacci

Arbitri: Di Franco e Bavera

Articoli correlati

  • 22/04/2019

    Il primo 25 aprile dell'Area dello Stretto

    Il 74° anniversario della Liberazione sarà per le Città di Reggio Calabria e Messina un evento straordinario di rilievo nazionale: per la prima volta il 25 aprile sarà l’occasione per affrontare le stesse tematiche, oggi di grande attualità, su entrambe le rive dello Stretto.Il tema al centro degli interventi programmati sarà l’impegno [...]

  • 19/04/2019

    Il premier Conte al cospetto dei Bronzi di Riace

    In città per il Consiglio dei Ministri, l’esecutivo di Giuseppe Conte non ha voluto “saltare”, ieri mattina la visita al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Giunti a Piazza De Nava poco dopo mezzogiorno, i membri del Governo sono stati accompagnati dal Direttore Carmelo Malacrino alla scoperta della collezione permanente del [...]

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento