Chiesa Valdese Reggio Calabria esprime preoccupazione per le caratteristiche che sta assumendo il congresso mondiale delle famiglie

Condividi su WhatsApp

Reggio Calabria, Chiesa Valdese La Chiesa valdese di Reggio Calabria esprime "preoccupazione per il carattere ideologico, discriminatorio e violento che emerge sia dal testo della convocazione sia dagli interventi preliminari dei leaders che parteciperanno al XIII Congresso delle famiglie".


La posizione emerge da una nota stampa con la quale, inoltre, si esprime il bisogno di testimoniare come "la famiglia, alla luce dell’Evangelo, non abbia un particolare valore per il modo in cui si costituisce o per la forma che assume" e che "sono, invece, le relazioni buone, giuste e profonde a
darle valore.
Tali relazioni si fondano sull’evangelo dell’amore di Dio, che ama la ricchezza e la diversità della vita e per il quale tutti gli esseri umani hanno pari dignità e diritti, indipendentemente dalla propria condizione di genere e sociale.
"Come dice l’apostolo Paolo - prosegue la nota - infatti, «non c’è Giudeo né Greco, né schiavo né libero né maschio né femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù».
Crediamo, infatti, che l’Evangelo di Gesù Cristo ci annunci la ricreazione di tutti i rapporti sulla base
dell’amore e del servizio reciproco, della libertà, del rispetto, della solidarietà, del progetto di vita sociale".

"Il Congresso delle famiglie - conclude la nota della Chiesa Valdese reggina - finisce per negare la diversità, la dignità e la libertà della persona umana, per contrastare con il Vangelo, la Costituzione e il sentimento comune".

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento