Reggio Calabria, appello di Italia Nostra al Sindaco: 'Non abbattete gli alberi di via Florio'

La motivazione: 'Una delle poche alberature storiche rimaste in città'

Condividi su WhatsApp

La sezione di Italia Nostra interviene nel dibattito cittadino apertosi sulla decisione dell’amministrazione comunale di abbattere l’alberatura di via Florio.

"L’intervento - scrive Italia Nostra di Reggio Calabria - segue altre numerose e pure recenti iniziative svolte dalla associazione, anche in collaborazione con il Comune, volte alla salvaguardia, al recupero e alla valorizzazione del verde pubblico".
Italia Nostra evidenzia che "l’alberatura di via Florio è intimamente legata alla storia di Reggio, ed è una delle poche rimaste insieme a quella del viale Amendola, di via Miraglia, del Viale Galilei e, naturalmente, del lungomare".

"Ci sembra, quindi, importante - -prosegue la nota - sottolineare che l’amministrazione, prima di prendere una decisione che comporti lo stravolgimento di queste alberature, debba farne anche un’attenta valutazione su base storico-identitaria e non solo, anche su basi estetiche, statiche e/o fitosanitarie. E a questo proposito possiamo affermare che la maggioranza degli alberi di via Florio non presenta problemi di alcun tipo".

"Cogliamo questa occasione - conclude la sezione reggina di Italia Nostra - per invitare l’amministrazione a prendere iniziative volte all’integrazione delle residue alberature esistenti (il caso di via cardinale Portanova ci sembra emblematico) e di provvedere ad alberare i molti chilometri di strade cittadine che si prestano a essere alberate. Inoltre, chiediamo che venga istituita con urgenza la commissione consultiva per il verde di interesse pubblico prevista dall’articolo 5 del regolamento comunale sul verde pubblico e privato affinché la stessa possa, in futuro, assistere il Sindaco e l’assessore delegato all’ambiente sui temi della conservazione e della riqualificazione del verde urbano".

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento