Internazionali d'Italia: mercoledì in campo con i campioni

Federer, Nadal, Djokovic, Tsitsipas, Fognini, Sinner tutti insieme a Roma nello stesso giorno

Condividi su WhatsApp

I tabelloni degli Internazionali BNL d’Italia hanno messo insieme, a Roma, nella giornata di mercoledì, incontri già straordinari: Djokovic-Shapovalov, Goffin-Del Potro, Federer-Sousa, Nadal-Chardy, Tsitsipas-Sinner, Fognini-Albot.
Basta cliccare sulle news del sito ufficiale del torneo per cogliere la soddisfazione degli organizzatori che parlano di "Una congiunzione astrale, di quelle che avvengono una volta ogni 100 anni, nello stesso giorno, nello stesso posto scendono in campo i più grandi campioni di un’era e gli azzurri più caldi".

Una giornata che si preannuncia indimenticabile anche se resta l'amaro in bocca dopo l’improvviso forfait di Serena Williams che toglie dal cartellone un appuntamento specialissimo, come il derby con la sorella Venus che invece va dritta agli ottavi di finale.
Ma gli appassionati e i più fortunati potranno dire di aver visto insieme, nello stesso giorno, i vincitori di 52 Slam: Federer, 20 Slam, l’attuale n.1 del mondo Novak Djokovic, 15 Slam, Rafa Nadal, 17 Slam. E poi il greco Stefanos Tsitsipas, n. 7 del mondo che ha battuto Federer agli Open d’Australia e Nadal a Madrid pochi giorni fa. Lo spettacolo è aperto anche per i tifosi azzurri, in programma c’è un certo Fabio Fognini, n.12 del mondo, vincitore del Masters 1000 di Monte-Carlo che dovrà vedersela con il moldavo Radu Albut e che avrà l'obiettivo di riportare il titolo di vincitore in Italia visto che manca dal 1976.

I biglietti ancora disponibili non sono moltissimi e la presenza di Federer ha fatto salire i prezzi.

La febbre alta si poteva già misurare questa mattina al Foro Italico, 11 minuti di autografi e selfie con i fan all’uscita del Centrale dopo il primo allenamento e la rituale conferenza stampa pre-torneo.
King Roger si era allenato per un’oretta con Andreas Seppi sotto lo sguardo vigile di coach Ivan Ljubicic. Lunedì, poco dopo il suo arrivo a Roma si era allenato in un circolo sul lungo Tevere con Jannik Sinner, 17enne altoatesino.
Gli Internazionali d’Italia sono tra i pochissimi trofei a mancare nello straordinario palmares del campione svizzero.
Mercoledì l’esordio nel torneo, nella sessione diurna, direttamente al secondo turno contro il portoghese Joao Sousa.

Ph, sito Internazionali BNL d’Italia

Articoli correlati

+Commenti+

Ancora nessuno ha commentato questo articolo. Sii tu il primo.

lascia un commento